Crea sito

Archive for ottobre, 2012

Halloween


E anche ottobre se ne va, dopo le piogge di sabato e domenica un paio di giornate abbastanza belle, ma decisamente fredde (raggiunta la minima di 2 C° martedì mattina). Ecco uno scorcio del cielo di lunedì

Guardando verso nord, nonostante un po’ di nuvole, si vedono le montagne abbondantemente innevate

Martedì mattina la situazione è simile

Mercoledì: le previsioni meteo (non quelel di indipezzente-meteo…) parlano di un peggioramento.

Ecco l’immagine dal satellite, ed ecco, quasi contemporanea, una foto del cielo

La mattina il tempo reggerà, ma nel pomeriggio è cominciato a piovere, giornata da starsene in poltrona con un buon libro, se se ne ha la possibilità naturalmente.
Uno sguardo ai colori d’autunno

E a questi fiori che ancora resistono alla stagione inoltrata.

Doppio contributo contro il minimo di Miaunder, due mici con l’aria freddolosa

E dato che stanotte sarà la notte delle streghe…

A risentirci.

Vento e pioggia


L’ultimo post è venuto un po’ male…colpa del server che ha cambiato l’interfaccia di scrittura, adesso spero di aver capito tutto e che questo post verrà meglio.
Intanto il peggioramento del tempo previsto dai meteorologi (quelli veri, non da indipezzent-meteo) è puntualmente arrivato, da ieri, sabato 27 ottobre, piove quasi in continuazione, è anche arrivato l’annunciato vento di bora con conseguente crollo delle temperature.
Stamattina mi sono raccomandato allo SMOM

Per chi non ne avesse mai visti: quelli sopra sono i francobolli emessi dallo SMOM, una fornitura è uno dei bonus su cui possiamo contare noi disinformatori prezzemolati.
Come dicevo mi sono rivolto allo SMOM per avere un po’ di tregua della pioggia in modo da poter fare la mia passeggiata mattutina. Detto fatto, la pioggia si è fermata. Ecco il cielo come appariva alle 08.30

Per terra foglie morte

e rami spezzati

Nell’aria ci dev’essere molta radioattività, guardate come crescono questi funghi

Sono le 09.20, la tregua è finita, ricomincia a piovere

Bisogna tornare a casa all’asciutto e al caldo (la temperatura è calata a 7 C°)
Per la lotta contro il minimo di Miaunder questo micino che si godeva il sole

E per concludere questa canzone cantata dai / indipezzenti…

Cieli finti e funghi radioattivi…

<script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js2.ad/size=336X280/r=’+new Date().getTime()+'”><\/s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>
Eccomi qui con le ultime novità. Domenica mattina:

Cielo decisamente brutto..del resto l’umidità non scherza

Si vede che hanno sospeso l’emissione di metalli igroscopici destinati a rendere l’aria secca ed elettroconduttiva, ma poi sarei curioso di sapere una cosa: se l’aria secca è elettroconduttiva allora l’aria umida è isolante? Provate a chiedere a qualche ricercatore indipezzente.

Lunedì mattina le cose sono completamente cambiate

Cielo azzurro e limpido, ma, ci assicura un noto indipezzente, si tratta di un cielo finto, stanno spruzzando manganese a tutto spiano per farci credere che il tempo sia bello. così, mentre chi ha almeno l’intelligenza di una gallina

ringraziamo le signore galline per la dimostrazione, chi come dicevamo ha almeno l’intelligenza di una gallina, e ne ha la possibilità, esce per godersi il sole, i maniaci se ne stanno tappati in casa tremando.

lunedì pomeriggio, evidentemente le emissioni di manganese continuano, sprezzante del pericolo esco per un’altra passeggiata.

martedì mattina, situazione invariata, ma ecco un aereo che, sarà a 1562 m, produce una terribile scia evanescente

c’è chi non si scompone, uno dei tanti volatili stecchiti che si vedono in giro…

Ultimamente i famosi ricercatori indipezzenti acconguagliati hanno scoperto che nelle scie, oltre all’alluminio, al bario, al titanio c’è anche il torio, anzi un celebre esperto in funghi gli ha fatto sapere che questi crescono…come funghi, a causa della radioattività. Ecco un gruppo di funghi atomici

Per il consueto contributo contro il minimo di miaunder ecco a voi la gatta sul tetto che scotta…ma forse no

E per concludere il video musicale dedicato ai felini

<iframe width=”320″ height=”255″ src=”http://www.youtube.com/embed/rRxpVNSKxWk?rel=0″ frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>

Tra fiere e santuari…


Dopo la giornata di martedì nella quale sono state sparse tonnellate e tonnellate di manganese (vedi il post precedente) mercoledì si è presentato decisamente diverso

Cielo grigio e decisamente autunnale al mattino, il pomeriggio, dovendo andare da quelle parti, mi è capitato di dare un’occhiata al Prato della Fiera dove sono in svolgimento le tradizionali fiere di S.Luca. Naturalmente, essendo le 15, il luna park era ancora chiuso, si stava preparando per la serata.

Comunque ecco alcuni “personaggi”

Un pirata dall’aria sinistra

Questo personaggio che scruta dalla coffa deve essere uno sciochimista che guarda il cielo per avvistare i tankeroni

E questo invece deve essere pronto alla lotta contro gli agenti del NWO (o dello SMOM, forse dei gesuiti). Lasciamo questa brava gente alel sue attività e passiamo a giovedì

Il cielo è azzurro, anche se decisamente non limpido, quanto all’umidità

credo che le gocce di rugiada su questa foglia siano molto esplicite.
Scoperta durante la passeggiata mattutina

questi due santi senza nome, emersi durante il restauro della facciata di una vecchia casa in vicolo S.Pancrazio.
Ed eccoci a venerdì, uscita a Vicenza con piccola escursione al santuario di Monte Berico, sul colle che domina la città

Ecco l’inizio della salita che porta al santuario (la salita pedonale, per sfaticati c’è anche quella per veicoli a motore)
Salgo seguendo il percorso coperto dal portico

Ed ecco il santuario

Dal belvedere, nelel giornate limpide, si gode di un panorama straordinario che arriva ai colli asolani e al Monte Grappa

Oggi purtroppo la foschia ci permette solo di ammirare il panorama della città, con la basilica palladiana in evidenza, e questa collinetta sormontata da una torre medioevale

Discesa e breve giro in città, ecco la piazza davanti alla basilica del Palladio

Il cielo è sempre azzurro.
Al tramonto, sulla via del ritorno

Un tankerone sta spargendo una terribile scia di metalli igroscopici che renderanno l’aria secca ed elettroconduttiva…

…non ci sono più i metalli igroscopici di una volta, questa è una panoramica di sabato mattina, si vede subito che l’aria non è affatto secca (per l’elettroconduttiva non so, appena mi sarò procurato un megaohmetro farò qualche misurazione)
Intanto contro il minimo di miaunder

questa micia che, molto cortesemente, ha interrotto le sue attività per mettersi in posa.
E per concludere:

Alice ed Helen, un mito che ha animato i sogni proibiti di tanti adolescenti degli anni ’60

Manganese come piovesse!!!


Dopo una dozzina di ore di pioggia ininterrotta la mattina di martedì 16 ottobre si presenta così


Uno sprovveduto, ammaliato dai disinformatori, potrebbe pensare che questa immagine spieghi la stranezza meteo

Una foto che vorrebbe farci credere che, passata la perturbazione, sia arrivato un periodo di bel tempo. Ma per fortuna il famoso ricercatore nonché meteorologo indipezzente ci svela la verità
Il cielo è così

E’ pieno di scie evanescenti, ci informa uno dei discepoli dell’indipezzent-maestro.
E’ manganese, completa il maestro stesso dall’alto della sua indipezzent-scienza!
Quindi non rallegratevi troppo, la minaccia incombe su di voi!
Ho provato a consultare questa ricercatrice non indipezzente

mi ha risposto miaooo…
E per concludere una canzone ottobrina

Scende la pioggia…


Nonostante il celebre indipezzent-meteorologo avesse previsto che i tankeroni avrebbero bloccato e disperso la perturbazione in arrivo, da alcune ore sta piovendo piuttosto forte, siamo al pomeriggio di lunedì 15 ottobre. Breve cronaca dei giorni passati

Venerdì pomeriggio, un paio d’ore di sole, anche se le nuvole non mancano.

Sabato mattina: piove, nel pomeriggio, dopo un breve intervallo, ci saranno un altro paio d’ore di pioggia.

Domenica: il maltempo concede una tregua, giornata autunnale con foglie che cadono e, a tratti, un pallido sole. Lunedì, come già detto, piove
Con tutta quest’umidità i funghi crescono come…funghi

anche in pianura, questi tra l’altro sarebbero ottimi da mangiare.

Una bella fioritura di ciclamini

e un simpatico e vivace uccellino chiamato “ballerina gialla”

Il consueto contributo contro il minimo di Miaunder e per concludere un brano musicale adatto alla giornata

Umidità…


Se venerdì 5, durante l’uscita in montagna, mi sono lamentato dell’umidità è perchè non sapevo ancora cosa mi aspettava.

Ecco cosa si vedeva alle 8 del mattino di domenica, altra panoramica

Naturalmente si trattava di nebbia artificiale, rilasciata dai tankeroni assieme ai polimeri di ricaduta come questo

Nebbia o non nebbia il mercatino domenicale dell’antiquariato e del passatempo va avanti

Nessun ricercatore indipezzente è passato di qui per avvertire la gente del terribile pericolo.
Lunedì mattina abbiamo qualche squarcio di azzurro

Evidentemente l’irrorazione di metalli igroscopici, transeunti e catafurgici non è riuscita molto bene, infatti martedì

piove, strano vero? Ma ecco qui la spiegazione

Un tankerone, militare, che invece che essere a 1561 metri a spargere alluminio, bario ecc. se ne sta in piazza. Niente, questi tankeroni hanno poca voglia di lavorare quindi l’aria non è secca ed elettroconduttiva

Questo igrometro infatti indica circa il 74% di umidità
Visto che indipezzent-meteo fa le sue previsioni del tempo mi permetto anch’io

Ho consultato questo meteorologo (indipendente) che mi assicura che sta arrivando freddo e che l’inverno sarà lungo.
Treviso Comic Book Festival è finito, ma su alcune vetrine ci sono ancora le immagini che lo pubblicizzano, prima che spariscano ve ne presento altre 4

Questo bruco fumatore nella vetrina di una tabaccheria

Questo che fa pensare ai “peccati della carne” in una macelleria

Olivia

…e, naturalmente, Braccio di Ferro.
Appena ho un momento di tempo metterò i disegni migliori nella mia galleria.
Ora, come di consueto, il contributo contro il Minimo di Miaunder

e la conclusione musicale, in tema col titolo “Fog” cioè nebbia

Foschie, faggi e funghi

Venerdì 5 ottobre, mentre in quel di Sanremo andava in onda la breve udienza del processo all’indipezzente capo, il sottoscritto partiva in missione, per ordine dello SMOM, per controllare le condizioni a quota cumulo.

La giornata, come potete vedere, non era delle migliori, la foschia (chimica naturalmente), era fitta e metteva un po’ di malinconia, ma bisogna pur guadagnarsi quei 6000 euro mensili che il NWO ci passa quindi forza.

Eccoci al punto di partenza, a ben 1255 metri di altezza, molto vicini ai famosi 1561 metri a cui, come è noto, volano i tankeroni. Ora saliremo ancora.

Una piccola sosta al cimitero militare inglese di Granezza ove sono sepolti 192 dei soldati inglesi caduti sull’altopiano (ah, non l’ho ancora detto, siamo sull’altopiano di Asiago).
Procediamo, sempre salendo, attraverso i boschi, composti principalmente da faggi

Si vedono ancora, nonostante sia passato quasi un secolo, i segni della grande guerra, ad esempio queste trincee


o questo ricovero scavato nella roccia

La cosa impressionante è l’abbondanza di funghi, da queste parti è piovuto quasi tutti i giorni nell’ultima settimana, e in queste condizioni i funghi crescono…come funghi per la gioia di chi, più o meno legalmente li va a raccogliere



questi sono solo alcuni esempi, ma il fungo più straordinario tra quelli visti è questo

un’amanita muscaria perfetta e di grandi dimensioni, potrebbe alloggiare una famiglia di puffi!
Continuiamo a salire attraverso la faggeta

sali e sali abbiamo raggiunto la cima del Monte Corno, circa 1500 metri, a rovinare il panorama c’è questo

questa struttura, di cemento armato alta una trentina di metri, vorrebbe essere il monumento ai partigiani, non so se i partigiani l’hanno mai visto, se fossi uno di loro, a vedere che razza di monumento ci hanno dedicato mi sarei offeso.
I miei giudizi estetici, a quanto sembra, sono condivisi da questo abitante del luogo che guarda dall’altra parte

Cominciamo la discesa

Questa foto, afflitta dalla foschia, permette di vedere la struttura a strati della roccia calcarea che costituisce la montagna, roccia che, in alcune zone è ricca di fossili, come questa lastra formata da gusci di ammonite.

E’ ora di metterci sulla via del ritorno

Questa locomotiva è un cimelio della ferrovia a scartamento ridotto che un tempo univa i paesi dell’altipiano con Vicenza, dietro l’edificio della vecchia stazione trasformato in museo della guerra 15-18.
E ora, prima di salutarci, il consueto spazio contro il minimo di Miaunder

Ecco a voi Catzilla, o forse è Cat Kong…
Visto che abbiamo parlato di montagna e di guerra in montagna vi lascio con trentatre

Ma che stranezza…


…piove
Tra domenica e lunedì sono caduti oltre 50 mm di pioggia, ecco il cielo di domenica mattina, non piove ancora ma tra poco comincerà

Di fronte a questa pioggia grande lo sconcerto degli indipezzenti che, se prima trovavano sinistri complotti nel fatto che non pioveva ora stanno cercando di trovare qualche sinistra spiegazione per il fatto che si è messo a piovere (infatti è noto che, prima dell’era delle scie chimiche, in autunno non pioveva mai!)
Ma veniamo a martedì, sembra che la pioggia sia finita, ci sono ancora nubi ma con estesi squarci di azzurro

Toh, cosa sarà mai questo misterioso oggetto nel cielo? Dite che è la luna? Non è possibile, un noto ingegnere, scomparso senza tracce, assicurava che la luna di giorno non si vede e qui siamo alle 7.45 del mattino, deve essere qualche diavoleria del complotto plutogiudaicomassonicogesuita!
Ma incurante dei complotti c’è chi se ne va tranquillamente per i fatti suoi

Senza fretta eh.
Intanto gradite questa distesa di ciclamini rosa

E queste statuette, il massimo del buon gusto…in vendita alla mostra-mercato del fumetto

Mostra nella quale ho potuto scoprire che una copia di Diabolik originale dell’ottobre 1962 viene valutata 3000 euro, metà dello stipendio che riceviamo mensilmente dall’isola di Man!

Un filmato contro il minimo di Miaunder e una canzone in tema col periodo