Crea sito

Archive for agosto, 2011

E’ la fine…

Niente paura, non voglio profetizzare anch’io la fine del mondo, quella che spero sia veramente finita è stata l’ondata di caldo durata 10 giorni che ci ha fatto sudare e boccheggiare.

Ecco il cielo di venerdì mattina, ore 8, temperatura 28 gradi, umidità sopra il 60%, non un filo di vento.
Per fortuna sabato le cose cambiano

Ecco il cielo verso le 7, soffia un po’ di vento e si susseguono nuvoloni, è ancora caldo ma non è destinato a durare, nel pomeriggio un breve temporale farà scendere rapidamente la temperatura e pulirà anche l’aria.
Ed eccoci alle 7.30 di domenica

nel cielo si inseguono nuvoloni portati dal vento, la temperatura è scesa di 6-7 gradi e l’umidità è minore del 40%, si respira finalmente! Per quanto riguarda il vento

la bandiera sulla torre mostra che sta spirando con discreta energia. Più avanti il cielo si sgombrerà e tornerà azzurro, ma senza il caldo umido insopportabile che ci ha afflitto per dieci giorni.
A titolo di curiosità questo negozio, notato per caso (deve essere lì da pochi giorni)

Niente meno che una “Vendita oggetti spirituali”, in vetrina ciarpame assortito, immagini sacre di varie religioni, incenso e statuette di personaggi di romanzi fantasy (troll, elfi ecc.). Mah
Per ingentilire un po’ le cose qualche fiore


Il consueto brano musicale, dato che agosto è ormai finito un saluto a settembre che sta per arrivare: “September song” canta Ella

Caldo…

Agosto sembra proprio volerci salutare all’insegna del caldo, ieri il termometro è arrivato a 38 gradi, ma il calore percepito ha superato i 40, cosa si può fare? Uscire la mattina al sorgere del sole e poi passare il resto della giornata in un ambiente con l’aria condizionata, o almeno con un paio di buoni ventilatori.
Martedì 23 agosto, ore 7

qui deve essere passato un tankerone a non più di 50 cm di quota! Altrimenti come si spiega la nebbia, chimica naturalmente, che stagna su questo canale? I disinformatori dicono che è dovuta alla condensa che si è formata per la differenza di temperatura tra l’acqua del canale e l’aria umida? Ma io vorrei il parere di qualche ricercatore indipezzente…
Mercoledì 24, sempre ore 7

Il sole è velato da nuvole, per un po’ si spera in un sostanziale abbassamento della temperatura, magari anche in una pioggia che rinfreschi e ripulisca l’aria, ma non c’è niente da fare, le nuvole se ne sono andate e il cielo è nuovamente limpido ed azzurro, la temperatura è un po’ scesa, ma è sempre meglio ricorrere all’aria condizionata.
E ora due curiosità, la prima riguarda l’attendibilità dei giornali…

La foto, ottenuta incollando due foto diverse, mostra le locandine dei due quotidiani locali (risalgono ad una decina di giorni fa), è chiaro che si riferiscono alla stessa notizia, un suicidio, mentre in uno la vittima aveva tre figli e si è gettata dal quarto piano, nell’altro aveva quattro figli e si è gettata dal quinto piano. E’ evidente che almeno uno dei due giornali non ha controllato la notizia, e sì che, trattandosi di un fatto accaduto a pochi chilometri dal centro città non ci sarebbe voluto molto per un controllo, figuriamoci quando riferiscono notizie su qualcosa accaduto dall’altra parte del mondo!

Infine questa foto, ripresa all’interno del supermercato Panorama, mostra uno scaffale di dvd in vendita a prezzo d’occasione, tra i cartoni animati giapponesi troviamo alcune copie del film complottista sul 11/9 realizzato da un noto regista emigrato oltreoceano. A quanto mi ha detto un commesso, a differenza dei cartoni animati, i dvd che “denunciano il complotto” non si riesce proprio a venderli, per ora sono lì a 9,99 euro, in attesa di un ulteriore ribasso nella speranza di riuscire a sbolognarli.
Vi lascio con un brano composto da Bruno Martino (qualcuno si ricorda di lui) ma eseguito da Chet Baker, adattissimo al momento

Domenica d’agosto

Da qualche giorno è veramente scoppiato il caldo: temperature sopra i 35 °C e umidità alta, in cielo niente nuvole e nemmeno scie. Tralasciando quel che dicono i ricercatori indipezzenti, che farneticano di riscaldamento ad opera di Haarp o di altr diavolerie elettromagnetiche (perchè nei secoli passati, notoriamente, ad agosto c’erano temperature sottozero…), ecco l’aspetto del cielo di venerdì mattina

quello di sabato

e quello di domenica

Dato il caldo ho anticipato la partenza per la passeggiata domenicale, esco di casa che il sole non è ancora salito sopra l’orizzonte e permane ancora un po’ di frescura notturna (relativa, il termometro, alle 7.15, segna 26 gradi)

Sarei proprio curioso di sapere quale istinto ha spinto queste chioccioline ad approfittare della notte per arrampicarsi su questo palo…
Questa carpa, ospite del laghetto di villa Manfrin, non sembra avere problemi col caldo

Oh si tratta di un pezzo di bestione lungo almeno 50 cm.
Un altro che non soffre il caldo è questo rettile

E a proposito di rettili: nessuno ha avvertito questo ankilosauro che dovrebbe essere estinto da 65 milioni di anni?

E ora un paio di contributi per contrastare il minimo di miaunder

questo ha l’aria più altera

Speriamo che l’ondata di caldo passi presto, anzi proviamo a chiedere aiuto a lui

San Nicolao, ovvero San Nicola, patrono di Bari che, col passare del tempo, è divenuto Santa Klaus, cioè Babbo Natale… se non ci fa un regalo lui…
E per concludere, visto che siamo di domenica e d’agosto, scateniamo Bobby

Il cielo è sempre bianco abbagliante…

Mercoledì 17, mattinata libera e voglia di fare una bella camminata. Il cielo, reso bianco abbagliante dalle scie mi preoccupa un poco, ecco come si presenta alle 7.30 del mattino, foto ripresa verso ovest

Impressionante vero? Ma niente paura, scelgo come punto di partenza la chiesa della “Madoneta” ( senza doppie alla veneta) che abbiamo già visto molti post fa e che, come ho già detto, è sotto la protezione dello SMOM (vedere lo stemma sopra la porta d’ingresso)

Tra parentesi preciso che questa chiesetta è consacrata alla memoria dei bambini morti durante il bombardamento di Treviso il 7 aprile 1944.
Da qui comincia una zona “selvaggia”, in realtà un’area di alcuni ettari, gestita dal corpo forestale, che funge da zona di ripopolamento e vivaio, una zona ideale per una passeggiata in un ambiente quasi naturale

Ecco un tratto di viottolo, fiancheggiato da due canali, una specie di tunnel verde che conserva l’aria fresca ed umida, tanto che anche le felci si trovano benissimo

più in là il cammino prosegue in riva al fiume melma (che non ho capito perchè si chiama così, visto che le acque sono limpide)

ecco il sentiero

La camminata dura più di un’ora, in perfetta solitudine, ho incontrato solo un paio di persone che facevano jogging, è stato possibile riflettere con tranquillità, respirare aria pulita e guardare un po’ le piante ed i fiori


Si sono fatte le nove, è ora di avviarsi verso casa, il cielo, come si può vedere è sempre di un bianco abbagliante

E per concludere una canzone adatta al periodo

Damocle sei un…

Sul blog di un noto indipezzente è apparso il seguente intervento:

damocle ha detto…

E anche oggi,domenica,un bel cielo bianco accecante,che vi prenda un ictus invalidante.
14 agosto, 2011 08:08

In risposta sono apparse diverse foto di debunkers che mostrano com’era il cielo del veneto ieri domenica 14 agosto. Aggiungo questa mia foto:

Sono all’incirca le 08.30 e la foto è fatta in direzione ovest. Si può vedere come il cielo sia bianco abbagliante…
Stamattina, stessa ora, stesso luogo:

Il cielo è nuvoloso, tra qualche ora verrà giù un breve spruzzo di pioggia, sicuramente non è bianco abbagliante.
Tra coloro che hanno commentato l’intervento del nostro eroe c’è chi lo ha ritenuto affetto da qualche malattia, in effetti potrebbe essere affetto da una sindrome che lo spinge a leccare il… al noto indipezzente inventandosi condizioni di cielo inesistenti. C’è chi lo ha definito un babbeo, su questo mi permetto di dissentire, damocle è veneto e nella lingua veneta esiste un vocabolo ben preciso per definire quelle come lui: MONA.
Comunque, nel caso la monaggine sia sintomo di una qualche malattia damocle, segui il consiglio che ti dà Gege:

Sono deluso…

Il noto “commissario straket”, specialista in scie chimiche, scie comiche e identificazione dei disinformatori (ma considerata la situazione farebbe molto prima a dire chi, secondo lui, non è un disinformatore), è in caccia, sta sparando accuse a destra e a manca, ma non mi ha mai degnato di attenzione!!! Se va avanti così allo SMOM crederanno che non faccio il lavoro per cui mi pagano ben 6000 € mensili, magari mi riducono lo stipendio! Bisogna che mi dia da fare a disinformare di più.
Per intanto vediamo come sono andati i primi giorni della settimana:

Ecco il cielo di lunedì mattina, e di seguito quello di martedì

Minacciano temporali e sfracelli vari, invece niente, in entrambe le giornate c’è stato solo qualche trascurabile piovasco, pioggerellina tiepida che si è asciugata in pochi minuti.
Ma ecco mercoledì

Nella notte debbono essere passati centinaia di tankeroni che hanno spruzzato tonnellate di manganese, cobalto e polvere di lapislazzuli fatto sta che non si vede una nuvola, e nemmeno una scia e il colore sembra, direi, proprio azzurro.
forse sarà merito di una Sua raccomandazione…

O forse merito suo

Affresco fresco di restauro che, a occhio e croce, dovrebbe rappresentare S.Antonio di Padova con bambinello in braccio.
Visto che Antonio (a proposito, è il santo dei miracoli, se ci rivolgiamo a lui forse può fare qualcosa per un suo omonimo indipezzente)
ci protegge nel pomeriggio un salto a Padova per sbrigare un paio di faccende e fare una passeggiata per il centro.

Chiesa di San Nicolò, osservare il cielo martoriato dalle scie che distruggono i cumuli, lo stesso cielo si può osservare in Prato della Valle

e nella foto di questo canale

Ora siamo nel chiostro del convento del Santo (S.Antonio, naturalmente, il santo senza nome)

Osservate il cielo…ma un momento, sulla volta delle arcate è dipinto questo simbolo

L’orifiamma che, stando ai ricercatori indipezzenti, è il simbolo dei gesuiti! Cosa ci farà in un convento francescano? Vuoi vedere che a capo della congiura mondiale non ci sono i gesuiti ma i francescani (che tra l’altro esistevano da tre secoli quando i gesuiti sono stati fondati)?
Ecco degli argomenti degni di studio e di ricerca, vedremo se qualche ricercatore approfondirà l’argomento.
Per ora vi saluto. Visto che un paio di post fa ho parlato di “bolle spaziali” vi lascio con un brano musicale adatto:

Big fuffa alla riscossa

Girando tra i blog dei ricercatori indipezzenti si trovano spesso accuse all’industria farmaceutica di avvelenare la gente con i vaccini, di causare sofferenze nei malati o di commercializzare farmaci inutili. Ora non mi sembra sia mai accaduto che le multinazionali del farmaco siano intervenute per far chiudere i blog o rimuovere i commenti sgraditi, ma ecco che un utente si è permesso (orribile vero?) di mettere in dubbio l’efficacia dell’omeopatia e di criticare la principale MULTINAZIONALE DEL “FARMACO” OMEOPATICO, apriti cielo, ecco che immediatamente si è fatto vivo l’avvocato della ditta per chiedere la rimozione dell’articolo incriminato.
Potete leggere qui la vicenda:

http://www.blogzero.it/2011/08/02/boiron-omeopatia-querela-denuncia-blog/

Traetene le dovute considerazioni.

Bolle spaziali…

Pochi giorni fa un noto blog, che raccoglie “segni” a destra, a manca, sopra e sotto (sì quello), ha presentato la nuova frontiera dell’ufologia: le misteriose sfere simili a bolle di sapone che fluttuano in giro.
Orbene, ho deciso di dedicarmi alla ricerca, così divento anch’io un “ricercatore”, ed ecco gli sconvolgenti risultati:

Una flottilla di bolle, notate l’iridescenza che, secondo un ricercatore indipezzente sanremese (per adozione), indica la presenza di alluminio, bario ecc.ecc.
Ecco una seconda foto:

Ma ora viene la parte più sensazionale: sono riuscito a fotografare l’alieno che dà origine alle bolle!!!

Si vede chiaramente che è un plantigradiano, proveniente da un pianeta della costellazione dell’orsa minore!
Dopo questa sconvolgente rivelazione vado a bermi una birra, a risentirci alla prossima ricerca.