Crea sito

Archive for ottobre 16th, 2010

15 ottobre, autunno, montagne e forti

Venerdì 15 ottobre, un giorno extra di libertà, adatto per una bella escursione in montagna, destinazione: l’altipiano di Lavarone e Folgaria. Ecco una prima vista:

La montagna con i colori autunnali, fa freddino, ecco la brina che permane ancora nelle zone in ombra, prova del fatto che durante la notte la temperatura è scesa sotto lo zero

Il cielo è azzurro, ecco un aereo che scia, ma niente paura, l’ho richiesto io allo SMOM perchè sparga polvere di lapislazzuli, in modo da avere un bel cielo azzurro per tutto il giorno.

Eccoci in marcia attraverso la faggeta, osservare il colore autunnale:

Foglie già cadute…

e mucche al pascolo

Ecco forte Belvedere, uno dei 7 forti costruiti all’inizio del XX secolo dagli austro-ungarici per proteggere Trento da un attacco italiano. All’epoca eravamo pure alleati, facevamo parte della triplice alleanza, ma si vede che a Vienna non si fidavano molto di noi…

Ci spostiamo verso un altro forte, al momento la montagna, oltre ad essere bellissima, si trova anche in una condizione di quiete, è finito il periodo del turismo estivo, ci si sta preparando per il periodo invernale, quando i paesi della zona verranno invasi dagli SCIATORI (chimici naturalmente)

ed ecco le rovine di forte cherle


A ridurlo in queste condizioni non sono stati gli eventi della guerra, bensì l’autarchia, negli anni 35-36 i 7 forti, tranne forte belvedere, furono smantellati per recuperare l’acciaio che era stato abbondantemente impiegato nella loro costruzione (mura e soffitti erano di cemento armato, spesso 2-3 metri e rinforzato con pultrelle d’acciaio).
Concludiamo la parentesi bellica e spostiamoci verso qualcosa di più pacifico:

tra i faggi e le betulle il santuario di S.Maria delle grazie a Folgaria.

La torbiera di Echen, un biotopo particolare e protetto.
Per concludere un po’ di bacche:

La rosa canina

La prugna selvatica, commestibile anche se molto aspra.
E un fiore

Il colchico autunnale, velenoso per altro…
A risentirci ad una prossima uscita, per ora si annuncia una settimana di lavoro pesante.