Crea sito

Il vento è cambiato

Nel corso della notte il vento ha girato da nord a nord-ovest portando aria umida e nuvole. Per cui stamattina cielo grigio con minaccia di pioggia, che poi è arrivata puntualmente nel pomeriggio, una pioggia non forte che, contrariamente a quanto accade con le piogge segnalate dagli sciochimicari, bagna, quindi si dovrebbe trattare di pioggia naturale, senza l’intervento di Haarp, delle scie chimiche e di mia zia Teodolinda…
Visto che la giornata è triste vi segnalo questo blog:

http://sunsurfer.tumblr.com/

andatelo a vedere, ha delle bellissime foto, l’ideale per sognare di evadere dalla vita quotidiana in cerca della bellezza e senza lesionare gli attributi altrui.
Due foto dalla passeggiata di stamattina

Questo pesce di ferro battuto, piazzato in uno dei rami del Cagnan, farebbe una figura non male se non vi fosse chi vi lancia sopra mozziconi di sigaretta e se un gabbiano di passaggio non vi avesse scaricato i suoi bisognini…

Pochi metri più in la questa scritta galleggiante “La felicità capita” purtroppo il resto della scritta non è stato ben ancorato e l’acqua si è portata via le lettere mescolandole in modo da rendere incomprensibile il messaggio…è proprio vero, la felicità non ha vita facile.
E per concludere, visto che sta piovendo e, probabilmente, pioverà tutta la notte, cosa c’è di meglio dei sogni di una notte di pioggia.

Comments

  1. Margotti Street
    febbraio 28th, 2011 | 11:11

    Bravissimo! E’ un’opera altamente meritoria l’aver segnalato nel post il link a sunsurfer! Spero tanto che molti lettori, scoprendolo, ne traggano il beneficio di aprire una finestra sulla parte bella, interessante e talvolta emozionante della realtà che pure esiste, malgrado tutto e tutti… i dementi infestanti!
    Curioso il pesce di ferro nel canale: mi fa pensare che davvero lì da voi non si possa fare a meno di incuriosire, in un modo o nell’altro, con installazioni e opere d’arte, anche il cittadino più distratto.
    Questo mi piace, come pure la scritta monca (come sembra essere da quanto scrivi). Per me va bene anche così, anzi… Direi che contiene una semplice, misconosciuta verità: la felicità, in effetti, non si compra e non si vende (contrariamente a quanto pensano i potenti con i soldi); chi si affanna a cercarla è già destinato ad essere infelice ed insoddisfatto; chi la considera un diritto e la pretende non ha capito niente della vita e comunque non se la merita perché… “la felicità càpita”! E non pretende di essere capìta: la felicità è un dono, proprio come i sogni di una notte di pioggia.
    Sei un poeta.
    Ciao e grazie.

  2. Margotti Street
    febbraio 28th, 2011 | 17:52

    Ho dimenticato di chiederti: se “Il vento è cambiato”, Mary Poppins sta arrivando o se ne va?
    Ci starebbe, un’altra volta, un video di quel piccolo capolavoro che dovrebbe essere proiettato nelle scuole materne ed elementari, perché dolce ma non melenso e, a tutt’oggi, insuperato nell’incantare i bambini e far riflettere gli adulti.
    Un saluto supercalifragilistic-espiralidoso.

  3. madblog
    marzo 1st, 2011 | 14:35

    Mah, oggi il vento è cambiato di nuovo, damenica era vento da nord ovest, lunedì’ pomeriggio ha girato a nord est ed ora sentiamo una bora, a momenti gagliarda, la povera Mary Poppins avrà il suo bel daffare per decidere dove andare, comunque ti accontento e nel prossimo post inserisco un brano, il finale, del film.
    Quanto alla felicità…tanti anni fa avevo una compagna di liceo che veniva da Lucca, una volta mi raccontò che nel centro storico di Lucca c’è una strada che si chiama appunto via della Felicità, ma proprio a significare che la felicità è una cosa difficile e di breve durata, si tratta di una viuzza breve e strettissima. Non ho mai avuto occasione di passare per Lucca, ma credo che se mi capitasse non andrei a cercare via della Felicità, è meglio che rimanga nella mia immaginazione piuttosto che una realtà magari deludente.