Crea sito

QED meccanica quantistica e pioggia

Negli ultimi giorni è piovuto abbastanza, e quando non pioveva minacciava di piovere, quale modo migliore di passare il tempo che leggendo un buon libro, ho fatto un salto in libreria e, folgorazione, ho subito notato questo libro

Un libro sulla meccanica quantistica, ricordando che qualcuno in rete mi aveva dato dell’ignorante perchè, diversamente da lui, anzi da lei, non conoscevo la meccanica quantistica, mi sono precipitato a comprarlo.
Ora lo sto leggendo, con un po’ di delusione, non si parla di piani vibrazionali, di effetti del pensiero sulla materia e di tutte le altre cose di cui parlano in continuazione gli “esperti” che trovo su internet. Qui i casi sono due: o il libro è scritto da un disinformatore o la meccanica quantistica non ha niente a che vedere con quello che si racconta…cercherò di arrivare ad una conclusione a libro finito.

Ecco un bell’esempio di nubi harpizzate, naturalmente elettroconduttive e fatte di metalli birifrangenti…

Queste bacche vengono chiamate in dialetto “pometi” (piccole mele) e sono buone da mangiare anche se ormai nessuno lo fa, abituati come siamo alla frutta che troviamo al supermercato.
Infine una foto quasi notturna

6.30 del mattino, se penso che un mese fa a quest’ora il sole era già alto.

Comments

  1. Margotti Street
    ottobre 8th, 2010 | 17:11

    Appena completata la lettura del libro sulla meccanica quantistica, spero ci comunicherai a quale delle due conclusioni sei giunto, anche se entrambe sembrano ugualmente inquietanti.
    Le nubi harpizzate sono sempre esteticamente pregevoli da osservare e buonissime devono essere quelle bacche, ma si sa, la gente non sa più riconoscere ed apprezzare ciò che non è preconfezionato, plastificato e regolarmente provvisto di codice a barre (pericolosissimo, come zret affermava in uno dei suoi post più esilaranti!). La foto mattiniera, anche se il paesaggio è notturno, mi ricorda quelle cartoline quasi completamente buie che, secondo i casi, venivano proposte come Roma di notte, Firenze di notte, Parigi di notte e così per ogni località.
    Volpini eh?
    Ciao.

  2. madblog
    ottobre 10th, 2010 | 12:35

    La lettura prosegue, nel tempo libero che non è molto, sinora di quei fenomeni che, a sentire certi personaggi sono il segreto della meccanica quantistica, non c’è traccia, si parla di riflessione e rifrazione della luce, di fotoni e simili, vedremo cosa dice il resto.
    Di nubi harpizzate in questi giorni abbiamo avuto una vera abbondanza, alcune molto decorative, come conseguenza, o forse come causa, la temperatura ha fatto un bel calo e abbiamo dovuto mettere una seconda copertina sul letto…
    ciao