Crea sito

settimana pesante, pioggia e ragni volanti

La settimana iniziata lunedì 20 e conclusasi ieri è stata decisamente pesante, quindi ho dovuto lasciar perdere il blog e limitarmi a qualche intervento sui blog altrui. Per continuare in bellezza la notte tra venerdì e sabato è piovuto a dirotto e stamattina il cielo non incoraggiava certo alla consueta passeggiata, quindi solo una breve e rapida uscita.
Verso le 9.00 il cielo a est si presentava così:

Decisamente poco invitante. Un’oretta dopo però, verso ovest le cose erano messe meglio:

si vede un bello squarcio di azzurro, speriamo che, come anche nelle previsioni, domani mattina le cose siano decisamente migliori. Per intanto è cominciato l’autunno e cominciano a farsi vedere anche i funghi, guardate questo

Una vescia bella grande, cresciuta in 24 ore, sono passato di lì venerdì mattina e non ce n’era traccia.
Approfittando del tempo incerto ho finto di lavorare per mettere in ordine la biblioteca, come al solito mi sono fermato dopo poco a guardare un volume ritrovato:

“Le invenzioni di Dedalo” di David E.H.Jones, edito da Zanichelli nel 1988 (ISBN 88-08-05390-3, se a qualcuno interessa…), una raccolta di articoli apparsi originariamente sulla rivista “New Scientist” , il brano che mi ha colpito è a pag 172

Secondo l’autore (come secondo molti altri autori) i RAGNI VOLANTI ESISTONO, ci sono anche due pagine di formule matematiche che spiegano come sia possibile volare appesi ad un filo (non le riporto per motivi di copyright, ma se qualche fisico, biologo o ingegnere meccanico vuole può andarsele a vedere sul libro…)

Riporto il discorso perchè tra poco inizierà la stagione delle ragnatele penzolanti e verrà fuori qualcuno a dire che i ragni volanti non esistono e che i filamenti sono “polimeri di ricaduta”*.
Naturalmente il libro è falsificato, realizzato nel laboratorio falsificazioni dello SMOM-NWO sull’Isola di Man.
Ciao a tutti

*La definizione “polimeri di ricaduta” si adatta perfettamente ai fili di ragno: sono formati da materiale proteico e le proteine sono dei polimeri, inoltre poichè, dopo essere stati prodotti dai ragni, salgono nell’aria portati dal vento e poi scendono a terra nuovamente il termine “ricaduta” descrive perfettamente il loro comportamento…

Comments

  1. Margotti Street
    settembre 27th, 2010 | 09:44

    Mi viene da pensare che i ragni volanti abbiano avuto una settimana pesante a causa della pioggia!
    Sempre interessanti i tuoi post e scusa la battutaccia, ma è lunedì… e di lunedì si scusano tante cose!
    Ciao.