Crea sito

Settembre andiamo…


..è tempo di migrare
Così diceva il divino Gabriele in una poesia che, almeno ai miei tempi, era inevitabile dover studiare a memoria alle scuole medie.
Vediamo un po’ come sono andate le cose in questa fine agosto – inizio settembre.
Venerdì mattina
scia
Terribili scie percorrono il cielo!!!!
haarp1
E’ tornata la stazione haarp mobile degli uomini in nero su un’auto nera, va bene, grigio scuro.
bolle
L’aria è piena di bolle iridescenti, sicuramente cariche di metalli igroscopici ed elettroconduttivi!!! Moriremo tutti!!!
cumuli1
Toh, il cielo del pomeriggio è azzurro, senza scie e percorso da cumuli che nessuno viene a disperdere.
cumuli2
Ecco un’altra stazione haarp mimetizzata…
haarp2
Che non riesce a disperdere i cumuli
cumuli3
Incurante delle minacce che incombono su di noi continuo la mia passeggiata nella desolazione
desolazione
Tra gli incontri questo signore o signora, s’ignora
micio1
Notare gli occhi di diverso colore: giallo il destro ed azzurro il sinistro.
diavolo
Il diavolo è in agguato!
bartolomeo
Possiamo provare a rifugiarci nella chiesa, sconsacrata, di S.Bartolomeo che, ad onta dell’aspetto, è una delle più antiche chiese di Treviso, più volte rimaneggiata, trasformata in negozio di mobili ed ora chiusa del tutto.
cielolun
Lunedì mattina, dopo una breve pioggia notturna, il cielo appare decisamente mosso.
cielomart
Ed ecco il cielo di martedì, percorso da quei cumuli che secondo un noto comandante non esistono più.
fiore
Omaggio floreale e saluti da questo signore che si sta facendo gli affari suoi.
micio2
E per chiudere in tema: Ella ci canta “September song”

Comments

  1. Margotti Street
    settembre 6th, 2013 | 17:09

    No no, è tempo di restare, considerata la bellezza dei luoghi e del cielo così bello con nuvole e nuvolette che sembrano ornamenti messi lì apposta per renderlo più interessante.
    Che ti devo dire, il drago che avevi già pubblicato per intero in un post di tempo fa, suscitando il mio entusiasmo, visto così da vicino nel particolare, mi piace da matti: se avessi lo spazio e mi fosse concesso, me lo porterei a casa! Ci pensi, messo sul balcone o semplicemente affacciato ad una finestra? Spettacolare! Gli occhi dal colore diverso della gatta (secondo me), non si possono apprezzare nella foto, neppure ingrandendola, ma mi è capitato di vederne dal vero e sono davvero strani. Certo che una delle più antiche Chiese di Treviso utilizzata come negozio di mobili è tremendo solo a pensarci: meglio chiusa! Che mi dici a proposito del bolide che, secondo le cronache, dovrebbe essere caduto “nel trevigiano”?
    Complimenti per la scelta del brano musicale che dovrebbe dimostrare senza ombra di dubbio cosa significhi “cantare”, cosa che oggi è intesa soltanto come “alzare la voce spalancando la bocca fino a mostrare le tonsille” al ritmo di un altrettanto sguaiato baccano: i successi di oggi!
    Bello anche il convolvolo.
    Bravo. Ciao.
    P.S. ho sempre problemi con il captcha!

  2. madblog
    settembre 11th, 2013 | 15:29

    Eccomi qua, nel giorno sacro ai complottisti!
    Abbiamo avuto belle giornate fino a ieri quando sono arrivati: pioggia, temporali e un bell’abbassamento delle temperature, sembra proprio che stia arrivando l’autunno!
    Per quanto riguarda il bolide di cui tanto si è parlato confesso di non averlo visto o sentito, forse stavo già dormendo.