Crea sito

Divagazioni di una primavera in ritardo


Le anomalie (naturalmente provocate dai gesuiti che sono massoni…o dai massoni che sono gesuiti, non ricordo bene) di questa primavera continuano. Martedì cielo grigio e una breve pioggerellina al mattino. Mercoledì idem, con pioggia la sera
Giovedì cielo con nubi haarpizzate in abbondanza, ma, almeno fino a sera non piove.
cielogiov
Venerdì pioggia dall’alba al tramonto, anche se non molto insistente.
Sabato mattina
cielosabmat
Coperto con nubi cariche di morgelloni e nanomunghi. Il pomeriggio però le cose migliorano
cielosabpom
Sembra quasi un cielo finto (o, vuoi vedere che per qualche ricercatore indipezzente terrazzinato quelle sono nuvole fatte con la schiuma da barba?). In ogni caso devo fare un salto a Padova, quindi ringrazio dell’intervallo.
burcio
Questo vecchio burcio, piuttosto malridotto ma ancora a galla mi fa pensare alla situazione di un paese a sud delle Alpi, la bandiera disegnata a prua rende la riflessione ancora più aderente.
valle
Prato della Valle il prato senz’erba occupato da un mercatino, anzi da un mercatone (quanti ricordi legati a questo luogo ai tempi in cui frequentavo l’università…) sullo sfondo la monumentale chiesa di Santa Giustina.
antenore
La tomba di Antenore, secondo la leggenda questo sig. Antenore sarebbe stato uno dei figli di Priamo re di Troia, fuggito alla distruzione della città sarebbe arrivato da queste parti e, non avendo di meglio da fare, avrebbe fondato la città di Padova. Di qui la canzoncina goliardica che iniziava
“Racconta la leggenda che Antenore troiano
fondata ch’ebbe Padova ci mise su un baccano…”

Tralascio il resto, altrimenti qualcuno potrebbe pensar male.
Domenica mattina
cielodommat
Il cielo sembrerebbe promettere bene, peccato che poi non mantenga, ecco infatti il pomeriggio
torre
Cielo nuvoloso, la bandiera a mezz’asta sulla torre civica ricorda che oggi, 7 aprile, ricorre il sessantanovesimo anniversario del bombardamento di Treviso, bombardamento che provocò alcune centinaia di vittime e lasciò diverse bombe inesplose che vengono ogni tanto alla luce durante lavori edili.
Comunque, nonostante tutto la vita procede con la manifestazione “Borgo Cavour in fiore”
cavourfiori
Mercato di piante da fiore, articoli per giardinaggio e simili, non manca nemmeno questa bancarella
vino
D’accordo, non si tratta di fiori, ma è sempre, se genuino, un prodotto di origine vegetale. Non manca la mostra di mezzi d’epoca come questo velocipede
velocipede
Cerchioni di legno e ruote di gomma piene, cadere da quell’altezza non doveva essere piacevole…
Ci sono poi le auto
aurelia
Questa è una Lancia Aurelia carrozzata Pininfarina (bei tempi quando la Lancia era la Lancia e l’Alfa Romeo era l’Alfa, ora sono sottomarche della FIAT…)
balilla
Mettiamoci anche questa Balilla decapottabile, sogno degli italiani anni ’30.
Per concludere un po’ di fiori selvatici
fiori1
fiori2
C’è da ammirare la tenacia con cui queste piantine riescono a crescere in una cucchiaiata di terra tra due mattoni.
Contro il minimo di miaunder un micio ciclista
micio
Dato che sembra ancora non abbia deciso di smettere con la pioggia eccovi un brano musicale, completo di cartone animato

Comments

  1. Margotti Street
    aprile 9th, 2013 | 10:20

    Come sempre c’è movimento da quelle parti e non ci si può annoiare! La serie di foto del cielo in questi tempi di variabilità è interessante: quasi un catalogo delle nubi. Una grande varietà di foto in questo post e mi piacciono tutte: quelle della gita a Padova, del mercato dei fiori e delle auto d’epoca.
    Sempre tutto molto rilassante e piacevole da vedere.
    Bene anche il video musicale con il cartone animato: sei stato bravo! Questa volta hai scelto Bambi e non la bamba dell’altra volta! Ciao.

    Ciao Bambi e non la bamba dell’altra volta!

  2. Margotti Street
    aprile 9th, 2013 | 10:23

    L’ultima riga è un refuso e ti prego di scusarmi e di non tenerne conto.