Crea sito

La bufera dell’Immacolata…


Resoconto dell’ultima settimana, in attesa della bufera prevista per il giorno dell’Immacolata.

Dopo la pioggia di domenica la mattina di lunedì si apre con cielo azzurro percorso da nuvolette bianche. L’aria si è pulita e guardando verso nord si vede quanta neve si è accumulata in montagna.

La temperatura è scesa per la prima volta sotto lo zero, martedì mattina alle 8 lo spettacolo era questo

e qua e là si vedevano queste cose misteriose…

che, secondo un ricercatore indipezzente sono composti di alluminio, bario e chissà che, sparsi dagli aerei, secondo le persone normali sono cristalli di ghiaccio…
Martedì il tempo volgerà al brutto, nel pomeriggio comincerà a piovere e pioverà, anche se non intensamente, per tutto mercoledì.

Ed ecco giovedì, cielo nuovamente azzurro ma temperatura rigida

Intanto sulle mura si sta preparando il luna park, completo di giostra panoramica.

Venerdì il cielo è minaccioso, sta arrivando l’annunciata bufera dell’immacolata, che, bisogna dirlo, è stata, almeno da queste parti, una delusione; ci aspettavamo metri (beh, diciamo decimetri) di neve, venti polari e lupi siberiani gentilmente forniti da Putin, invece venerdì pomeriggio è sceso qualche sporadico fiocco, un po’ di neve, ma non tanta da causare seri disagi è caduta nella notte

Ecco un po’ di foglie innevate

Il panorama decisamente invernale del sabato mattina.

In piazza dei signori si sta preparando una rappresentazione di favole natalizie, con questo burattino gigante che è uno dei protagonisti.
Nonostante la neve questa pianta di bocca di leone non ha rinunciato a fiorire

Col freddo che fa i gatti, animali intelligenti, si guardano bene dall’andare in giro, se ne stanno rintanati nel posto più caldo che trovano. Quindi contro il minimo di Miaunder devo far ricorso al mio archivio

E per concludere un brano in tema col momento: Mina canta “neve”

Comments

  1. dicembre 10th, 2012 | 11:10

    Freddo quasi siberiano dalle mie parti (non come a febbraio, per fortuna) e neve che ha tenuto per un giorno intero. Per fortuna ieri ha iniziato a sciogliersi. Adesso aspettiamo la replica per la prossima settimana (sperando che per una volta si sbaglino).

  2. Margotti Street
    dicembre 10th, 2012 | 11:40

    Sono contento per la scampata bufera! Il freddo, secondo chi sappiamo, è un fenomeno insolito d’inverno e sarà certamente prodotto dalla geoingegneria.
    Le tue foto invece sono prodotte da chi sa comunicare le proprie sensazioni attraverso il mezzo fotografico, cogliendo gli aspetti più significativi di ciò che lo circonda. Bella la brina, belle le foglie incappucciate di neve, belli i paesaggi, il fiore e il gattino; bruttino il burattino gigante e per me insopportabile Mina che non ascolterò.
    Ritorno sovente ad ascoltare Moon River ed altri tuoi video musicali, ma Mina no: non l’ho mai sopportata. Avrai comunque fatto felice molti suoi fans, ma io non sono tra questi.
    Ciao e grazie per la varietà e sobrietà dei tuoi post.

  3. madblog
    dicembre 10th, 2012 | 15:52

    La temperatura minima di ieri è stata -5, oggi siamo arrivati a -6 e per mercoledì è previsto un ulteriore abbassamento. Deve essere colpa dell’alluminio sparso dai tankeroni…Intanto il gatto di casa si è piazzato sotto un termosifone e si muove solo per motivi di assoluta necessità tipo visita alal ciotola del cibo o alla cassetta dei bisognini!

  4. madblog
    dicembre 10th, 2012 | 15:56

    Qui da due giorni fa un freddo cane: -5, -6 e si prevede che peggiori, colpa naturalmente della geobioingegneria clandestina (a proposito, in questi due giorni di freddo intenso si sono viste si o no un paio di scie). ieri, domenica, e oggi, lunedì, ho approfittato delle belle giornate e, nonostante il freddo, mi sono fatto delle belle camminate con relative foto, il tutto nonostante l’opposizione del gatto di casa (che in realtà è una gatta, la mia famosa modella) secondo cui quando la temperatura scende sotto zero bisogna uscire solo per fare la spesa, non dimenticando naturalmente il cibo per gatti.