Crea sito

Settimana di fuoco


Avevano annunciato una settimana caldissima e la cosa si è puntualmente avverata: massime di 36-38 gradi tutti i giorni, fortuna che mi è possibile uscire la mattina presto o nel tardo pomeriggio, quando la temperatura è sopportabile. Nelle ore di maggior caldo me ne sto a casa e lavoro ad un paio di cosette di cui vi parlerò in futuro. Ma veniamo alla cronaca degli ultimi giorni

Il cielo di sabato mattina, senza nubi e/o scie, per forza direte voi, il cortile che appare nella foto è quello della commenda dell’Ordine di Malta, sì insomma dello SMOM, e i tankeroni non possono sicuramente irrorare qui, quando passano sopra chiudono gli ugelli… (in realtà la commenda non c’è più dal 1796, attualmente l’edificio è occupato dagli uffici regionali delle imposte dirette un’organizzazione più temibile dello SMOM!)

Ecco il cielo di domenica, lattiginoso e bianco ababgliante

Lunedì mattina, le cupole del duomo si stagliano contro un cielo chimico…osservare come le due cupole più grandi siano di colore verde, infatti sono ricoperte di lastre di rame che col tempo diventa verde, la cupola più piccola in primo piano invece è grigia perché ricoperta con lastre di piombo, è l’unica tra le 7 cupole del duomo ad avere questa caratteristica, chissà come mai.

Lunedì sera, è l’ora del tramonto, verso ovest c’è una grande nuvola che però non porterà pioggia

Martedì mattina, l’isola della pescheria con i suoi ippocastani, cielo, strano a dirsi, azzurro.

Cielo di mercoledì pomeriggio, verso le 18.30, la mattina non sono potuto uscire per la consueta passeggiata. L’aria sta cominciando a rinfrescarsi, siamo scesi da 37 a 30 gradi, questo ristorante ha apparecchiato i tavoli per chi vuole cenare al fresco.

Il cielo di oggi, giovedì, verso le 8 del mattino

Ora aspettiamo che arrivi, tra sabato e domenica, la tempesta di fine agosto che, chissà perché, è stata battezzata Beatrice.
Intanto continuiamo la lotta contro il minimo di Miaunder

a lui il caldo non deve dare molto fastidio.
E dato che stiamo aspettando Beatrice

Comments

  1. Margotti Street
    agosto 24th, 2012 | 11:08

    Mi sono reso conto di non aver commentato il post precedente: eppure l’ho visto, eccome! Comunque: cieli azzurri, verde rigoglioso, angoli da cartolina, specchi d’acqua che riflettendo raddoppiano la bellezza e la suggestione dei luoghi; fauna insolita come l’airone e solita, ma sempre gradevole, come i gatti trevigiani; il tutto commentato con eleganza e fine ironia. Davvero curioso il fatto che delle sette cupole del duomo una sola sia ricoperta in piombo anziché in rame! Che la fornitura del rame fosse insufficiente e le risorse terminate? Comunque consiglierei di tenerle d’occhio: questo metallo è diventato molto appetibile per i malviventi, che lo rubano provocando danni anche seri (vedi ferrovie ed altri impianti strategici) mettendo anche a repentaglio la sicurezza degli stessi. Non è la prima foto del ristorante sotto i portici, ma ogni volta aumenta la voglia di sedersi ad uno di quei tavoli: per vedere l’effetto che fa! Penso sia una panacea per chi ha bisogno di quiete e di relax, mentre l’estate è diventata un po’ dappertutto sinonimo di baccano. Pare proprio che senza frastuono non ci sia divertimento e più chiasso c’è più ci si diverta. Per me una cosa incomprensibile e che rifuggo come l’inferno. Complessi, band e sciamannati vari infestano litorali e luoghi di villeggiatura e trovare un luogo ameno dove trascorrere un po’ di tempo è diventata un’impresa titanica.
    E la chiamano musica!
    Hai acceso la mia curiosità, e non credo solo la mia, accennando a qualche cosa cui stai lavorando.
    Attendiamo ulteriori notizie.
    Ciao e grazie.

  2. agosto 25th, 2012 | 17:37

    … è l’unica tra le 7 cupole del duomo ad avere questa caratteristica, chissà come mai.

    Ma come, dovresti saperlo! E’ tutta colpa dei Gesuiti! :D

    Che quel micio nero non abbia caldo ci credo molto poco, secondo me pativa le pene dell’inferno pure lui.

  3. madblog
    agosto 28th, 2012 | 15:18

    Ma non dimentichiamoci che qui lo SMOM è potente! Per quanto riguarda il micio, so che i gatti amano moltissimo il caldo, vedo il mio che d’inverno è capace di dormire sul termosifone bollente!

  4. madblog
    agosto 28th, 2012 | 15:24

    La copertura in piombo è in effetti strana, anche perchè quando fu costruito il duomo, nel 18° secolo in sostituzione del duomo romanico distrutto da un incendio circa 200 anni prima, il rame era disponibile abbastanza facilmente, veniva dalle miniere dell’agordino, il piombo invece era di importazione.
    Ti do ragione a proposito del baccano infernale che ormai disturba la villeggiatura in molti luoghi, per questo preferisco passare l’estate in città piuttosto che andare al mare dove, tra l’altro, mi annoio mortalmente.
    Quanto ai progetti: ho ripreso la mia vecchia passione per l’elettronica e sto cercando di realizzare due apparecchietti, uno dei quali non può mancare nel laboratorio di un vero ricercatore indipezzente, quindi appena li avrò realizzati (sto aspettando che il negozio presso cui mi rifornisco riapre dopo le ferie) li offrirò ai suddetti ricercatori, il prezzo? Un vero affare! (per me naturalmente)