Crea sito

brrrrr

Settimana di sole ma con temperature decisamente basse, la notte si scende a -3 -4, la mattina…

una bella brina. Naturalmente questa è la versione dei disinformatori, secondo un noto ricercatore indipezzente, la brina non esiste, quei cristalli bianche sono conseguenza delle irrorazioni clandestine notturne.

Ed ecco il cielo, notare il colore, dovuto al manganese sparso con le scie

Ecco un’altra immagine che mostra come, causa del materiale sparso dalle scie la visibilità sia ridotta a pochi metri, quelle che sembrano montagne in lontananza in realtà sono degli ologrammi per ingannare la gente.
Sono circa le 10 del mattino e la temperatura è attorno allo 0, ma questo pianista non si lascia intimidire, cappotto e via a suonare in piazza (i passanti non sembrano molto interessati). E’ una novità, sinora in strada si erano visti suonatori di fisarmonica, chitarra, violino…questo è il primo suonatore di pianoforte, chissà che prima o poi non arrivi anche un suonatore di organo.

Comments

  1. Margotti Street
    gennaio 19th, 2012 | 10:55

    L’inverno è una “bella” stagione, peccato sia difficile da apprezzare, con i disagi che comporta. Però brina, galaverna, neve e ghiaccio realizzano opere d’arte davvero memorabili e il cielo, quando è sereno, sembra più sereno. Le notti poi, più sono gelide e più sono stellate! Una stagione che sarebbe bello poter guardare da dietro i vetri di una finestra, perché gli spostamenti diventano disagevoli e faticosi e le basse temperature non invogliano ad uscire, tuttavia vedo che non disdegni le tue passeggiate con documentazione fotografica.
    Ma l’eroico pianista di strada dov’é?
    Gli si saranno gelate le dita e se ne sarà andato con tutta la foto, temo!
    Comunque grazie per tuoi puntuali reportage. Ciao.

  2. madblog
    gennaio 19th, 2012 | 15:40

    Purtroppo la foto del pianista è rimasta nel computer, non so se per un errore mio o per un problema del server, poco male, la mettero nel prossimo post.
    Quanto al freddo ieri e oggi stiamo raggiungendo l’apice, tutta la giornata sotto zero, complice anche la nebbia e un po’ di nuvolo che, almeno oggi, ha impedito al sole di farsi vedere, roba, per chi può, da rstarsene a casa al caldo.